FATINA ROSA HA LA FEBBRE

Era Domenica e Valeria non si sentiva tanto bene.

<<Se non stai bene devi restare a letto>> disse Fatina Blu.

<<Ooooooooh, stare al letto mi scoccia, e poi io sono Fatina Rosa e devo venire al Lago Colorato con tutte le altre fatine>>rispose Valeria.

 

<<Su dài tesoro, vedrai che domani ti sentirai meglio, ora rimani a letto>>

<<Ma io non voglio>>

<< Su adesso dormi!>> disse Fatina Blu con una voce dolcissima.

<<…e non posso andare al lago no che sfifa!>>

<<E adesso parli come il pupazzo Serpente? Si dice sfortuna, non sfifa!>> rispose Fatina Blu e Serpente disse:

<<Ma io parlucchio molto più benissimo di come spaparanza quella bosocchia di fatinella rosella papparapapà>>

<<Serpente, è meglio che stai zitto! Altrimenti ti faccio una iniezione sulla lingua>> Serpente ingoiò la lingua e non parlò più per due giorni. Più tardi Fatina  Rosa udì uno strano rumore: <<Piove? Se piove tu non puoi uccire e devi restare qui!>> disse Fatina Rosa ma il rumore era solo Fatina Blu che stava lavando il pavimento. Intanto Fatina Rosa si affacciò alla finestra e vide sole nuvole vento. Anche fata blu si affacciò e disse:

<< E’ meglio  stare  a casa, oggi fa freddo>>

<<Uffa sono guarita!>>

<<Oh sei guarita? allora misuriamo  la febbre!>>

Mise il termometro  sotto il braccio di Fatina Rosa. Il termometro le faceva il solletico e mentre rideva le uscivano le nuvolette dal naso. Dopo un minuto il termometro scoppiò. L febbre era molto alta. Fatina Blu andò nell’altra stanza e prese un binocolo e lo dette a Fatina Rosa.

<<Oh grazie mille, che regalo carino, perché me lo hai fatto?>>

<<Perché oggi il Lago Colorato lo vedrai solo col binocolo!>>

Intanto, a casa sua, Fatina Verde stava guardando anche lei dalla finestra.

 

-Uh guarda, l’arcobaleno… devo avvisare subito Fatina Blu e Fatina Rosa.>> Prese il telefonino e chiamò Fatina Rosa.

Pi-pi-pi-pi  Pi-pi-pi-pi.

<<Fatina Rosa, hai messo i pulcini nella suoneria?>> disse Giulia mentre andava a prendere il telefono perché Valeria era a letto e non poteva rispondere.

<<Pronto, sei un pulcino?>>

<<<No, sono Melania, la Fatina Verde e volevo avvisarvi che  volevo avvisartiche che c’è l’arcobaleno!>>

Allora Fatina Blu disse alla sua sorellina:

<<Guarda subito con il binocolo>>

Poi lei volò nel cielo prese l’arcobaleno e colorò tutto il cielo.

Fatina rosa non aveva mai visto un cielo così bello e subito guarì.

 

 

fatinablu.it - home