­ FATINA  ROSA  DA  SOLA

 

Un giorno Fatina Rosa si   svegliò e  non         trovò Fatina Blu.

<<Ma dove sta?>>

Fatina Blu era andata al  Lago Colorato però aveva lasciato una sorpresa per la sua sorellina Valeria, la Fatina Rosa, ma Valeria non lo sapeva. Valeria chiamò le altre amiche fatine. Prima provò con l’anello magico che legge i pensieri, ma lei era troppo piccola e non lo sapeva usare. Allora usò il telefonino e telefonò a tutte le Fatine.

<<Fatina Blu è scomparsa, dobbiamo cercarla>>

Tutte la cercavano ma non la trovavano. Intanto Fatina Blu stava bella e spaparanzata al Lago Colorato, sdraiata sulla sua sedia a sdraio e, anche se in città era notte, lei guardava il sole con gli occhiali da sole speciali che le aveva regalato Fata Arcobaleno e che facevano tutti i riflessi.Anche il sole aveva gli occhiali da sole perché faceva molto caldo. E siccome faceva caldo, ogni tanto Fatina Blu volava in alto tra le nuvole. Gli uccelli avevano regalato a Giulia delle ali grandi con cui poteva volare e lei li aveva ringraziati. Fatina Verde si affacciò alla finestra e quando  la vide volare disee:

<<ecco dov’era la nostra amichetta!!!>> e volle provare anche lei le ali di uccello e andò al lago Colorato.

<<Su, uccellini belli, prestatemi delle ali>> ma non riusciva a volare. Prima si alzava solo una gamba. Poi solo il sederone, poi si alzavano solo le mani e lei restava sempre a terra perché era troppo cicciona. Proprio in quel momento arrivò Vanessa, la Fatina Arancione e subito disse: “Voglio anche io quelle ali” ma inciampò nei nastri dei capelli e cadde in braccio a Fatina Verde proprio menttre stava finalmente riuscendo a volare. Così precipitarono tutte e due a terra, ma Fatina Arancione sotto e Fatina Verde sopra. <<Dove sei, vanessa?>>

<<Brutta cicciona sono sotto il tuo sedere e mi stai schiacciando!>>

<<E perché ti sei nascosta lì?>>

<<Non mi sono nascosta brutta montagnona, mi sei caduta addoso, alzati subito.>>

Fatina Arancione si era fatta i capelli ricci ma quando uscì da sotto al peso di Fatina Verde i suoi capelli erano tutti lisci. Arrivò anche Roberta, la fatina Rossa che ride sempre e si mise a ridere con la bocca spalancata, così un uccello  le fece cadere un grosso uovo in bocca. Fatina Verde vide l’uovo che stava cadendo in bocca a Roberta, e per aiutarla cercò subito di trasformarlo in un biscottino con un incantesimo. Ma siccome non era tanto brava sbagliò e lo trasformò in un uovo di pietra, che prima cadein testa a Fatina Rossa e poi si incastrò in bocca. Intanto Fatina Gialla per sembrare sempre più luminosa stava mettendo tante lampadine finte sul vestito.Ma in quel momento passò il loro amico Serpente e disse:

<<Oh, Luisa, la Fatina Gialla, sta mettendo le lampadine ma si è scordata di mettere la spina>> e infilò la spina per davvero nella corrente elettrica.BUUUUUM Tutte le lampadine scoppiarono e fatina Gialla volò. Tutti si spaventarono e fatina rossa sputò la pietra che finì in testa a Fatina Verde.

Finalmente sentendo quel chisso Fatina Blu   scese dal cielo e arrivò dalle sue amiche.

<<Ma che state combinando? Lasciate stare la corrente elettrica che è pericolosa e giochiamo insieme>> Giocarono e giocarono e poi  si ricordò di Valeria e tornò a prenderla ma lei ormai stava dormendo da tanto tempo. <<Ma perché è rimasta a dormire e non è venuta da me?>> pensava ma poi si accorse che Valeria non aveva aperto la sorpresa. Proprio in  quel momento Valeria si svegliò e disse tutta arabbiata

<<Dove cappero sei stata?>> 

Giulia disse

<<Non  hai aperto la mia sorpresa>>  ma Valeria gridò:

<<Tu non mi hai portato con te>> e scoppiò a piangere.

Allora Fatina Blu aprì il regalo e dette a Valeria le ali con un biglietto dove c’era scritto: vieni subito al lago colorato. Valeria saltò di gioia, si abbracciarono e se ne andarono  felici e contente a cercare un nuovo paese da scoprire.

 

 

fatinablu.it - home